Intervista su radio24-ilsole24ore

August 18, 2017

Con molto orgoglio vorrei condividere una piacevole intervista fatta a Francesco Astorino giorno 17/08/2017 da Roberta Giordano in diretta su radio24.ilsole24ore.

 

Radio24.ilsole24ore è una radio con caratura nazionale, nata il 4 ottobre 1999: notizie, programmi, persone, linguaggi, sonorità ed emozioni, questi sono gli ingredienti di Radio 24. Una radio che informa e racconta con passione ed accompagna l’ascoltatore nel corso di tutta la giornata. Il palinsesto è caratterizzato da trasmissioni multi-tematiche che soddisfano le molteplici aree di interesse del proprio pubblico. Si parla di attualità, economia e lavoro ma anche cultura, sport, salute, costume e società e di tutto quanto è utile sapere per la vita di ogni giorno. Radio 24 trasmette dagli studi di Milano e Roma in tutta Italia, tutti i programmi sono inoltre ascoltabili in diretta o in differita attraverso il servizio podcast.

Una piacevole intervista dove si è parlato sulla “Sicurezza nella Subacquea”.

 

In Breve vorrei condividere con tutti voi una sintesi dell’intervista:

 

Il mondo Subacqueo anche se è un ambiente “alieno” per l’uomo non è pericoloso, ma, come tutte le attività, richiede delle regole da seguire e delle conoscenze e tecniche che si apprendono effettuando un corso subacqueo, dove sarà Cura, Compito e Responsabilità dell’istruttore portare l’allievo ad un livello di apprendimento tale da consentire di poter effettuare le immersioni in totale e piena sicurezza.

 

Primo consiglio: seguire un corso Subacqueo

La prima cosa da fare per poter fare immersioni in sicurezza, è iscriversi a un corso base per imparare ad immergersi, a gestire le attrezzature e i pericoli che possiamo trovare in acqua.

L’importante è scegliere una scuola affidabile con Istruttori che sono in attività continua, Istruttori subacquei professionalmente riconosciuti da didattiche internazionali (chiedere sempre la visione del brevetto di Istruttore per non incontrare un'impostore).

 

La prudenza nelle immersioni

Per ridurre al minimo il rischio di incorrere in pericoli che gli esperti hanno stilato delle regole insegnate a tutti i futuri sub durante i corsi necessari per acquisire il relativo brevetto:

  • Non utilizzare mai gli autorespiratori per l’immersione se prima non si è acquisito il primo brevetto ed essere a conoscenza delle tabelle di decompressione;

  • Pianificare l’immersione;

  • Controllare la piena efficienza e affidabilità delle attrezzature ed essere in possesso di un computer subacqueo;

  • Effettuare preventivamente una visita medica specialistica ed essere in buone condizioni fisiche generali;

  • Mantenere uno stile di vita adeguato prima e durante il periodo di pratica delle immersioni e non immergersi dopo lunghe esposizioni al sole;

  • Non forzare mai la compensazione né effettuare sforzi durante l’immersione;

  • Indossare mute di taglia adeguata senza restringimenti eccessivi;

  • Non immergersi con condizioni meteorologiche sfavorevoli;

  • Effettuare preferibilmente immersioni in “curva di sicurezza”, ossia quelle che permettono la risalita in superficie senza le cosiddette tappe di decompressione, sempre nel rispetto della velocità di risalita ed effettuando una sosta generalmente a 3/5 metri per alcuni minuti;

  • Risalire respirando normalmente, senza trattenere mai il fiato;

  • Al primo accenno di malore iniziare la risalita secondo le regole;

  • Evitare viaggi aerei e altitudini superiori ai 400 metri almeno nelle 12 ore successive all’ultima immersione;

  • Non allontanarsi dal gruppo o dal vostro compagno/a d’immersione.

 

Dati statistici

La subacquea è un’attività relativamente sicura a patto che si rispettino determinate condizioni.

Secondo i dati, di stimate agenzie americane, come:

  • National Safety Council of the USA,

  • National Sporting Goods Association (USA)

  • National Electronic Injury Survey System ( NEISS, USA)

l’immersione ricreativa non figura fra gli sport che, più frequentemente, provocano infortuni, mostrando un livello di rischio di lesione pari allo 0,4 %, approssimativamente al livello del gioco del bowling.

Inoltre, dati europei indicano che il numero di incidenti è rimasto relativamente costante negli ultimi 20 anni, mentre il numero dei praticanti è cresciuto enormemente nello stesso periodo. Tutto questo indica che la sicurezza delle attività subacquee è, generalmente, ottima ed in continuo miglioramento.

 

 

 

Please reload

Featured Posts

Nasce a Lamezia Terme "Sub Academy"

September 26, 2015

1/1
Please reload

Recent Posts